Lo “stato” di WhatsApp, questo sconosciuto.

Domenica scorsa ero a pranzo con amici da “Gigi il troione” e, tra un discorso e l’altro, saltò fuori l’argomento “lo stato di Whatsapp”, una funzione che ancora oggi viene utilizzata da poche persone (fonte: Fondazione italiana per l’espansione del Bollito e delle Panelle).

Un amico mi chiese di spiegargli questa funzione e mi consigliò di fare la stessa cosa tramite il mio seguitissimo blogghe. Io ero tra il perplesso ed il perplesso (mi sembra chiaro…). In primo luogo, non mi piace scimmiottare il lavoro degli altri: c’è già Salvatore Aranzulla, Anzanulla, Arizzulla (vabbè ci siamo capiti…) che ha fatto dello spiegare perfino quale sia la posizione più comoda per cagare, la sua fonte di guadagno. Inoltre, il Mobys non c’entra nulla con queste cose, sono un altro tipo di blogger, sono un filosofo pensatore sognatore, quindi praticamente un coglione, per certi versi un pirata e un signore, professionista dell’amore, quindi non mi ci vedo nelle vesti di grande professorone. Bando alle parole, proviamoci con amore.

Lo “stato” è una funzione di whatsapp che ricorda quello che appare da anni su Facebook (del resto il capo è lo stesso). Quando siete fuori dalle schermate della chat, in basso noterete questa iconcina iconcinina, la quale peraltro ormai è l’unica cosa al mondo che sta a sinistra.

Cliccando, avete due chances: poggiando il ditino sul simbolo della macchina fotografica, pubblicherete una o più foto, mentre il simbolo della matita vi consentirà di scrivere un testo. Potete inserire svariate foto e svariati testi, il tempo che avranno gli altri per visitare il vostro stato varia dai circa cinque secondi per vedere una semplice foto a più di dieci se ne avete pubblicate parecchie. Il mio consiglio è quello di non esagerare, perchè difficilmente la gente ha quei venti secondi di tempo, e soprattutto la voglia, per vedere più di due-tre foto.

Il vostro stato sarà visibile per 24 ore, dopo sparirà automaticamente. Nell’arco delle 24 ore potete cancellarlo o inserire altre foto/testi: ogni pagina è autonoma e avrà le sue 24 ore di tempo per essere visualizzata.

In Impostazioni, Account, Privacy, potete escludere determinate persone dalla visualizzazione dello stato. Attenzione, questa funzione non c’entra nulla con gli “utenti bloccati”, che ovviamente non vedevano già nulla di vostro e che non possono scrivervi. Inoltre, vietare una persona dal vedere il vostro status, non vuol dire che la bloccate su whatsapp ! Sono, per fortuna, due funzioni separate.

Una volta pubblicato lo stato, potete vedere, nella pagina “i miei aggiornamenti”, ma ancor meglio in quella della foto/testo (in basso al centro), quante volte è stato visualizzato e soprattutto da chi.

Attenzione, quello che quasi nessuno vi ha mai detto, è che non possiamo avere la certezza che quelle persone siano le uniche che abbiano visto l’aggiornamento di stato. Chi è pratico di android può adottare degli accorgimenti che consentono di vedere lo status altrui senza che questi venga a conoscenza della nostra visita.

Se avete voglia di commentare la foto o la frase scritta dal vostro contatto, cliccate in basso su “Rispondi”. La persona in questione vedrà il vostro commento all’interno della chat fra voi. Se non c’è una chat aperta, se ne aprirà una.

Nel caso in cui voglia rompere per forza le palle alla gente, imponendogli di vedere ciò che ho pubblicato, dentro la pagina “I miei aggiornamenti” posso cliccare sulla freccia a destra ed inviare lo stato direttamente a quella determinata persona. Una funzione un po’ inutile, ma che potrebbe avere un senso se io voglio mandare il mio status a quella persona che è palesemente negata con il cellulare, così da renderla partecipe.

Molto simpatica l’idea di inserire frasi e smiles all’interno delle foto che volete postare come stato.

Mi sembra di aver detto tutto. Andiamo alle note dolenti, a parte il discorso android di cui sopra (ma del resto è anche giusto dare qualcosa in più ai più sfortunati…).

A mio modo di vedere lo stato non dovrebbe avere una scadenza di 24 ore, ma restare on-line finchè ci pare e piace. Ci sono frasi che tolgo dopo 10 ore, e ci sono delle foto significative che vorrei restassero on-line anche per due tre giorni. Mi piacerebbe che fossi io a decidere quando cancellare/cambiare o ad utilizzare semplicemente la funzione “cancella dopo 24 ore”.

Fondamentale la funzione “disattiva l’aggiornamento”: scorrendo sopra il nome, da destra verso il centro, puoi disattivare gli aggiornamenti di quella determinata persona; nella vita bisogna pur lavorare e dormire, mica puoi stare appresso a chi posta seimila foto ogni venti ore !

La minchiata della funzione stato è che, non appena vedi un aggiornamento di stato e non esci, Whatsapp ti fa vedere anche tutti gli altri in rapida successione. Non è un grande problema, ma magari ti scoccia che la persona X o il parente serpente Y venga a conoscenza della tua visita, peraltro alquanto casuale e sicuramente non voluta.

Avrei concluso. Come qualsiasi cosa che esiste, dentro e fuori il web, quindi nella vita come su Facebook, ricordatevi la prima Legge del Mobys, ovvero che ognuno è libero di utilizzare un social network o meno, whatsapp o meno, aggiornare lo stato o meno. Non c’è mai il figo e lo sfigato. E’ tutta carne al fuoco, sta a noi decidere se spararci nel gargarozzo una fettazza di costata di maiale con lo 0% di grassi, scottarci toccando la griglia o voltare le spalle diventando vegani.

Come ho detto mille volte, quando si parla di “condivisione”, non c’è mai una ragione e un torto. Possiamo criticare chi condivide in maniera maniacale e nello stesso tempo restare delusi perchè ci sono amici che non senti per settimane e in nessuna piattaforma.

Cosa piace al sottoscritto ? A me piace vedere le persone libere di fare ciò che sentono di fare, purchè non rompano i coglioni, cioè, detto più elegantemente, il tuo modo di fare non deve influire pesantemente sulla mia giornata. Penso, per esempio, alle persone che continuano ad inviare video inutili. Uno è simpatico, due vanno anche bene, al terzo mi hai rotto le palle !

Mi piace soprattutto il non silenzio.

Liberi di postare su Facebook qualsiasi cosa, liberi di scrivere un articolo al giorno sul proprio blog, liberi di non leggere o di non condividere ciò che scrivi ma, in definitiva, penso che la cagatella, la virgola, il pensierino, magari anche banale, siano comunque da preferire al silenzio, sempre e comunque.

12531108_1678500622415940_204623539_n.jpg

Come dissi quando nacquero i telefonini, “Anche un sms può cambiare la vostra giornata”. Lo dico ancora oggi. E allora, anche se non avevamo certo bisogno dell’aggiornamento di stato di whatsapp, ben venga il mio amico che pubblica la foto della sua corsa, piuttosto che il nulla.

Le persone (nella vita, su Facebook, su Whatsapp, sui blog, ecc.) o ci sono o non ci sono, non esiste la “quasi amicizia”, il “mezzo rapporto”, il sentirsi solo per gli inutili auguri di Natale o, peggio ancora, se abbiamo bisogno di qualcosa.

Non dovete sforzarvi di fare nulla, non dovete sorbirvi per forza nulla, ma ricordatevi che siete presenti nelle vite degli altri esclusivamente con i gesti che fate, non con i vostri pensieri, non con i vostri “Sai, ti ho pensato nella Pasqua del 1979”, “se avessi più tempo…”, “ho 2000 amici su facebook e non riesco a vedere cosa posti”, “mi ero ripromessa di scriverti un messaggio il 31 febbraio solo che quello stronzo di Matteo Renzi l’ha tolto dal calendario”…

Annunci

8 risposte a "Lo “stato” di WhatsApp, questo sconosciuto."

  1. vikibaum 16 marzo 2018 / 08:38

    neppure io lo sapevo…vabbé non sono molto interessara a WA, ma mi hai incuriosito. grazie per l’informazione, ciauuuu

    Piace a 1 persona

  2. silviadeangelis40d 14 marzo 2018 / 12:33

    Web che passione….o incubo imperante?
    Un saluto,silvia

    Piace a 1 persona

  3. Liza 13 marzo 2018 / 21:24

    Eh purtroppamente sempre la solita solita sì (cirazione paracula) 😜

    Piace a 1 persona

  4. Liza 13 marzo 2018 / 21:22

    Infattamente io non lo sapevo che c’era lostatodiwhtsapp.
    Sono da rogo mediatico?? 😞

    Piace a 2 people

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...