Google, che vergogna !

La mia passione per la scrittura mi ha portato non solo a curare questo Blog, ma anche a scrivere recensioni. Fra i molteplici siti che offrono questa possibilità, a parte Amazon, mi sono concentrato su Google Maps, avendo considerato morto e sepolto, forse in maniera troppo prematura, TripAdvisor.

Col tempo sono diventato una cosiddetta “Local Guide”, sono ad un discreto livello (6 su un massimo di 10), a 1.600 punti su 5.000 di punteggio massimo.

In ogni caso mi definisco un “Recensore da pausa pranzo”, nel senso che quando ho davvero voglia di scrivere e di liberare la testa da quintali di pensieri, atterro, come detto, su questo pianeta. Scrivere recensioni per me è più un servizio reso altri altri che una maniera per ottenere punti che non mi servono ad una benemerita cippa. Nel contesto “Local Guide” si può seguire qualcuno ed essere seguiti ma è qualcosa di poco utilizzato. Figuratevi cosa ce ne fotte a noi di seguire Giansuca che recensisce le pizzerie di Gasperina in provincia di Catanzaro.

Tornato da Caorle, una sera buia e tempestosa, mentre due mie amiche facevano giochetti sconci sul mio divano [divano per favore conferma ai miei amici ciò che abbiamo vissuto quella sera], io, per uccidere la noia, mi misi a scrivere recensioni, anche perché, come vi ho già detto, è stata la vacanza più intensa e lunga della mia vita (due hotel, posti dove mangiare a pranzo, locali per la cena, gelatino per digerire, night club, ecc.).

Patrick Dempsey. Praticamente il mio sosia. Oppure io il suo.

Dopo qualche giorno mi richiede l’amicizia su Facebook un tal Patrick. Pensavo si trattasse di Patrick Dempsey, visto che a detta di molti sembriamo gemelli, invece era il titolare di una gelateria di Caorle che voleva ringraziarmi per la mia bellissima recensione. Avrebbe voluto scrivere un commento ma, all’improvviso, detta recensione era sparita ! “Patrick io la vedo !”, “Vincenzo io non la vedo”. Sembravamo due ragazzini che vanno a puttane per la prima volta.

Non sono un grosso nerd, ma mi ci volle poco per fare una scoperta che secondo me rappresenta il vero motivo per cui Draghi Mario si è dimesso: se sei loggato (ovvero hai inserito nome utente e password per accedere al sito), vedi tutte le tue recensioni come se fossero online. Se esci dal tuo account di Google, non le vedi più !

Evidentemente sono stato bannato, cioè a seguito di qualche mia bella parolina sono stato cacciato fuori ! In ogni caso voi sapete che io so parlare e scrivere in UNA sola maniera e fra l’altro in quanto ad eleganza non me la butta in culo nessuno !

Partono ricorsi e contro ricorsi, e stavolta non è una battuta del Mobys. Questa cosa mi ha fatto incazzare più di quelle due che lesbiatavano pornograficamente sul mio divano !

Mi sono incazzato per un miliardo di motivi. Innanzitutto se c’è qualcosa che non va, mi dovreste/potreste gentilmente mandare un’email, come fanno Amazon, Booking, Le Ore e il Corriere dei Piccoli.

Io cancello o correggo la recensione, tolgo magari quella frase “gli animali dei miei vicini di camera si sono messi a trombare” (uuuuuuu butei che frase volgare ed offensiva !!!! uuuuuuu che incitamento all’odio !!!!! uuuuuuuuu) e la rinvio. Possiamo andare avanti anche per anni in questa maniera. Io sbaglio, tu mi correggi, ma non puoi ILLUDERMI che le mie recensioni siano on line ! Se non ci fosse stato Patrick, io non me ne sarei mai accorto ! Che pezzi di merda !

Incazzato perché questa storia mi puzza tanto di “cosa storta” ed io ho l’allergia alle cose storte, sia che si tratti di una cartaccia per terra nel cortile del mio condomino, del cazzo di cane che abbaia sempre o che si tratti di Google. E’ una cosa storta, è una bruttissima gestione delle recensioni. E’ una grandissima merda che mi ha costretto a fare una delle cose che più odio nella vita: tornare a casa la sera dopo magari una stancante giornata lavorativa e mettermi nuovamente davanti al computer !

Compila e spedisci. Manco se fosse l’Agenzia delle Entrate !

Credetemi, come vi ho già detto, non mi interessa una minchia dei punti o delle visualizzazioni. Non portano visitatori all’unica cosa a cui tengo, cioè a questo Blog, quindi non me ne faccio assolutamente nulla. Ho numeri eccezionali per quanto riguarda le mie foto, sono contento, è una soddisfazione, ma io ribadisco il concetto di aiutare, nel mio piccolo, il prossimo.

Tu puoi fare ciò che vuoi ma devi sapere che in quel locale ti fumano accanto o che quello Hotel non ha le camere insonorizzate. Devi sapere NON che si mangia bene o male (recensioni che ho sempre considerato stupide. Troppo soggettivo il giudizio sul mangiare per sentenziare), ma che lo spaghetto era annacquato, che i camerieri facevano i coglioni, che fanno anche la pizza senza glutine, pasti per celiaci, o che di siciliano hanno solo l’insegna perché in realtà la cucina è in mano ad un cingalese con sottotitoli in pakistano. Devi sapere soprattutto la cosa a cui tengo maggiormente: la pulizia e la condizione dei servizi igienici. La prima cosa che rende un locale un posto rispettabile non è rappresentata da quanta pasta ti servono, ma dall’attenzione che prestano alla cura dei servizi igienici.

Mi rispondono che il problema è l’algoritmo. Google non controlla le recensioni, non riesce, non vuole fare questo lavoro. Gli dico allora che sarebbe bello che l’algoritmo gestisse anche i loro stipendi. “Porco can, sto mese ho preso 456,00 euro di stipendio. Come mai capo ??”. “Carissimo Antongiulio, sarà stato l’algoritmo !”. “Capo oggi non posso venire al lavoro”, “Come mai ???”, “Cazzo, l’algoritmo che ho mangiato ieri sera insieme alle patate arrosto mi ha fatto venire il cagotto !”.

Dopo una lunghissima settimana vengo riammesso al programma Local Guide. Mej cojoni ! Ero stato escluso ma l’avevo capito non grazie ad una loro email (MAI pervenuta), ma perché l’ho letto dentro un foglietto di un Bacio Perugina !!

Mi hanno scritto (in inglese) di stare attento a seguire le linee guida. Io ancora mi chiedo cosa e dove ho sbagliato.

Rientro come Local Guide ma le mie recensioni (TUTTE, cioè anche quelle di anni fa !), ancora non si vedono. E vai con l’ennesimo ricorso. Nella mia vita ho fatto più ricorsi a Google che scopate ! Sto aspettando l’esito.

La precedente richiesta si è risolta dopo OTTO giorni. Adesso siamo a buon punto. Intanto chi mangia a Caorle non sta leggendo nessuna delle mie recensioni. E ormai l’estate sta finendo…

Intanto mi venne un’idea, anche perché ho capito chi in realtà “spinge” l’algoritmo. E’ un hotel di cui parlai malissimo e che ha già dato dimostrazione di particolare attenzione nei confronti delle recensioni (mi hanno telefonato dopo aver pubblicato quella su Booking chiedendomi di cancellarla. E’ la prima volta in vita mia che mi succede e ovviamente non cancello nulla !). Come detto, a me la palese ingiustizia non mi fa mollare l’osso, anzi mi fa proseguire con maggiore veemenza.

Riattivo il mio account Trip Advisor. E chi si ricordava più i dati di accesso ? Rientro e copio e incollo TUTTE le recensioni recenti che avevo scritto su Google. Prova del nove azzeccatissima: passa qualche minuto e Trip Advisor mi chiede di rivedere una recensione perché col mio linguaggio non seguo le indicazioni delle linee guida. E di chi stiamo parlando ? Quale recensione viene bocciata fra le venti ?? Ovviamente quella dell’Hotel di cui sopra !! Ma chi l’avrebbe mai detto ?!?!

Mi scoraggio ? Mancu pu cazzu, sabato post pranzo, riscrivo la recensione. Trip la pubblica senza battere ciglio, per il semplice motivo che è inattaccabile. Non solo, il mio giudizio è stato ancor più negativo di quello espresso su Booking prima e su Google Maps dopo. Mi avete rotto i coglioni ? Beccatevi una stella anziché le due-tre che volevo darvi.

Il ricorso sulla non visualizzazione di tutte le mie recensioni è ancora in ballo.

Questa storia mi ha lasciato parecchio amaro in bocca perché, a differenza di tutte le piattaforme conosciute in vita mia, Google praticamente… non c’è ! Non esiste assistenza, non c’è un omino che ti indichi la retta via. Sono sei miliardi di impiegati ma che cazzo fanno tutto il giorno ? Giocano a Bubble Bobble ?

Nella “community” ti risponde gente esperta che ha mille sigle e mille etichette inutili (ceo, speo, ziocan, engegneer, granfigliodiputt, mezzoExpert, necapisco_ma anca no, ecc.ecc. ), i quali si limitano a copiare ed incollare risposte già pronte. Tutte uguali. Copia et incolla. Un lavoraccio…

Nel 2022 Google Maps ancora non si è resa conto che il mondo non è bianco o nero. Che se una recensione va modificata, questa cosa va fatta presente a chi ha perso tempo a scriverla. Modus operandi che seguono tutti.

In mezz’ora con Trip Advisor ho risolto. Booking impiega 24 ore anche se devi correggere una semplice parola, ma in ogni caso risolve. Google invece ti prende per il culo, tu navighi, cerchi quella tale pizzeria, vedi la tua bella recensione, pensi che sia online, invece non lo è affatto !!! Incredibile !! Tutto magari per colpa di un hotel, di UNA cavolo di attività recensita su venti, di una scema che clicca su “segnala come inappropriata”.

Mi hanno fatto saltare una ventina di recensioni ma ovviamente, da bravi pezzi di merda, si sono tenute strette tutte le mie foto. Quelle non sono state bannate, quelle contribuiscono a far muovere traffico.

Bravissimi, non c’è che dire. Talmente bravi che per me adesso potete andarvene affanculo. Quando potrò, cancellerò TUTTI i miei contributi (foto comprese) e mi concentrerò solo su Booking e Trip Advisor.

Buona domenica a tutti !

Le MIE foto più viste su Google.

19 pensieri riguardo “Google, che vergogna !

    1. Incantevole. Un autentico bijoux. Il motivo è semplice : c’è il solito (modesto) mare Veneto ma c’è anche un paesino (che loro chiamano città) storico meraviglioso. Insomma il centri storico bellissimo, fatto di viuzze e piazzette, non c’entra nulla con i “vialoni” di bibione o Jesolo. Forse potremmo paragonarla a Chioggia o a Grado. Tuttavia credo e temo che il miliardo di turisti la stia snaturando. Peccato. Gusto mio per carità, ma quel “The One Caorle” 4 stelle superior, con musichetta in terrazza e Lamborghini posteggiate all’ingresso , mi ha un poco rotto la minchia (leggasi poesia).

      "Mi piace"

      1. Grazie mille per la dettagliatissima descrizione! 🙂 Colgo l’occasione per dirti che ho appena pubblicato un nuovo post, in cui racconto come è nata una delle più belle storie d’amore di tutti i tempi… spero che ti piaccia! 🙂

        Piace a 1 persona

    1. Senza nulla togliere agli altri commentatori (che comunque per me sono sempre troppo pochi), devo dire, cara Caterina, che hai centrato perfettamente lo spirito di tutto il blog. A chi interessa se le recensioni del Mobys non sono online ? A chi interessa di un semplicissimo spaghetto AOP ? A chi può fregare delle mie vacanze a Caorle ? A nessuno. Il senso, il mio senso, nel momento in cui passo serate davanti al Mac per scrivere, è: questi sono i miei pensieri spontanei e in libertà. Voglio Leggerezza e riflessione. Poi c’è chi resta più sulla superficie e chi è capace di “addentrarsi”. Nel blog così come nella vita di ogni giorno.

      "Mi piace"

    1. Dai tempi in cui Gesù recensì il Tempio su Trip Advisor nessuno ha mai avuto problemi. Al limite mandano l’OVVIA email in cui ti chiedono di correggere. Idem tutti gli altri. Solo Google ti fotte. Grazie del commento Tiz.

      "Mi piace"

  1. Carissimo, purtroppo lo sappiamo che ciò che muove il mondo sono gli “schei” e non “i piccoli” come noi che facciamo le recensioni. Evidentemente fa piu’ interesse un hotel che vive con le 4/5 stelline, piuttosto che una recensionr SINCERA seppur non proprio positiva.
    In tutto questo mondo “sbagliato” è da notare anche che… Le foto della “trattoria da Pino” fanno più visualizzazioni della basilica di San Francesco d’Assisi

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Francesco, grazie per il commento. Il “mondo sbagliato” dentro e fuori il web è talmente INFINITO come argomento da metterlo in un angolino 🙂 Sappiamo che c’è e andiamo avanti lo stesso. Anche a me ha sorpreso il fatto che le foto di quella trattoria (che in passato ti nominai perché, prima dello scorso Natale, era la mia preferita a Palermo), abbiano avuto sto “boom” di visualizzazioni. Peraltro stiamo parlando di un posto “mooooolto alla buona”, non certo di un centro commerciale ! Incredibile. Per il resto questa esperienza mi ha fatto capire sia il discorso ampiamente discusso nell’articolo (tu vedi le tue recensioni ma in realtà non ci sono !), sia che esistono persone che si occupano delle recensioni !Ti ricordo che QUESTO hotel è stato il primo a chiamarmi al cellulare per chiedermi di cancellare la recensione su Booking e che, addirittura, ha fatto sloggiare delle persone da sotto l’ombrellone perché era il giorno del check-out e sebbene potessero restare (attenzione: per cortesia dell’Hotel, non certo per diritto !), GUARDA CASO dopo una votazione mediocre su Booking, si sono visti mandare via dal bagnino ! Che poi la gente sia minchiona perché recensisce mentre è ancora in loco, questo è un altro discorso ! 🙂

      "Mi piace"

  2. Purtroppo oggigiorno la sincerità non viene pagata anzi, un esempio è il tuo caso. Le recensioni vanno bene soltanto se i commenti sono positivi e si mettono le cinque stelline proprio per questo personalmente mi sono stancata di perdere del tempo a recensire strutture e servizi, anche a me è capitato che avendo fatto u a recensione negativa a un hotel, mi è arrivata e-mail dalla proprietaria che voleva a tutti i costi avere ragione lei non ammettendo che il servizio è le foto descritte sul sito non erano per niente conformi alle aspettative di un qualsiasi cliente, anziché prenderne atto e migliorare per un futuro ha contestato pensando di essere solo lei dalla parte della ragione, per cui ti ho detto tutto… Buona domenica 😉

    Piace a 1 persona

    1. Carissima Giusy, in realtà è che non funziona QUESTA piattaforma ! Google Maps è comodo, ha una bella e semplice interfaccia grafica ed è a portata di mano. Addirittura se attivi la cronologia dei tuoi spostamenti è LUI STESSO a mandarti la notifica “Sei stata lì, cosa ne pensi di lì ?”. Purtroppo manca chi gestisce questa valanga di materiale. A me hanno insegnato che se una cosa non riesci a farla bene, tanto vale non farla proprio. Ciao grazie per il solito prezioso commento.

      Piace a 1 persona

  3. Purtroppo è un dato di fatto, tutte le recensioni sono pilotate, bisogna scrivere sempre bene oppure avere tanta calma e proprietà cfi linguaggio di scrivere “elegantemente” tutte le cose negative in modo che non lo capiscono 😏

    Piace a 1 persona

    1. Silviuccia è fuori di dubbio che io abbia scritto in maniera ERRATA qualche pensiero, perché sia Booking prima che Trip Advisor dopo, mi hanno segnalato il problema. L’errore grosso è che nessuno di Google mi abbia detto qualcosa ma soprattutto (che poi questa è la chiave del post), è gravissimo che io veda le mie recensioni come se fossero online ! Esco fuori da Google, cerco le attività da non-loggato e… NON C’E’ NULLA ! Ma che senso ha ?

      "Mi piace"

  4. io di solito non scrivo molti commenti su questa piattaforma, ho notato che alcune mie immagini sono diventate super viste, una ha superato 1.600.000 viste, ma ciò non mi porta a nulla, avrei preferito averle su instagram che su google visto che non porta a nulla. Sul tema recensioni ho notato che un po’ tutti, anche booking, non amano tanto le cose negative. Lo scorso anno scrissi una recensione a mio avviso sincera riguardo un hotel, la proprietaria mi scrisse una mail il giorno dopo dicendo che potevamo parlarne, che non dovevo permettermi di scrivere male del suo hotel. In pratica fin che parli bene di un hotel, di un posto, sei visto al top, appena fai accenno a qualcosa che non va bene, ecco che vieni subito preso di mira. La sincerità al giorno d’oggi non premia più, bisogna solo scrivere cose belle, lusingare tutti e tutto, nella speranza che qualche algoritmo ti premi magari facendoti allargare la prateria di chi ti segue sui vari social. Ormai sembra che il mondo vada avanti così. Ho trovato molto interessante questo tuo post perchè condivide molte mie opinioni in linee generali sui vari temi che riguardano il mondo dei social network 👍👍👍

    Piace a 1 persona

    1. È un peccato invece che tu non scriva commenti perché mi sono mancati/mancano nei precedenti articoli. Le persone intelligenti, mai banali ed ironiche non sono tantissime e quelli pochi dovrebbero fare più “rumore”. Restando su questo si, ti confermo, guarda caso le cinque stelline sono subito pubblicate, i commenti negativi magari per uno scontrino non rilasciato, no !!

      Piace a 1 persona

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...