Ognuno è tossico a modo suo.

Stamattina chiesi all’omino del distributore Q8 se fosse il caso di scrivere due righe, visto che la mia migliore “ascoltatrice”, dopo essere andata forse ad Amatrice, mi disse che non è diventata una pittrice, bensì una produttrice di capi di abbigliamento. Il tizio mi guardò con fare non curante e mi disse un alquanto buddistico “terun, ma vada via el cul, ti e la to Alfa de merda“. Al che gli dissi “Pace e bene“, e procedetti per la mia retta via.

Continua a leggere

Lo “stato” di WhatsApp, questo sconosciuto.

Domenica scorsa ero a pranzo con amici da “Gigi il troione” e, tra un discorso e l’altro, saltò fuori l’argomento “lo stato di Whatsapp”, una funzione che ancora oggi viene utilizzata da poche persone (fonte: Fondazione italiana per l’espansione del Bollito e delle Panelle).

Continua a leggere